Navigazione - PUBLICA

Navigazione vocale e la dimensione del carattere

Ricerca

Navigazione principale

Decesso

Le persone impiegate sono assicurate contro i rischi di decesso e di invalidità a contare dal 1° gennaio successivo al compimento del 17° anno di età. Per l’assicurazione dei rischi di decesso e di invalidità PUBLICA riscuote un premio di rischio, che è pagato integralmente dal datore di lavoro.

Rendita per coniugi
 

Al decesso della persona assicurata, il coniuge superstite ha diritto a una rendita per coniugi se almeno una delle seguenti condizioni è adempita:

  • il coniuge superstite deve provvedere al mantenimento di almeno un figlio; oppure
  • ha almeno 40 anni di età ed era coniugato da almeno due anni con la persona assicurata; oppure
  • percepisce una rendita intera ai sensi della LAI o avrà diritto a una tale rendita entro due anni dal decesso della persona assicurata.

La rendita non ridotta per coniugi ammonta:

  • al decesso di una persona assicurata che non ha ancora compiuto i 65 anni di età: a due terzi della rendita di invalidità assicurata;
  • al decesso della persona beneficiaria di una rendita di vecchiaia o di invalidità: a due terzi della rendita corrente;
  • al decesso di una persona assicurata che ha compiuto i 65 anni di età: a due terzi della rendita di vecchiaia acquisita al momento del decesso della persona assicurata.

La rendita per coniugi può essere percepita interamente o parzialmente sotto forma di liquidazione unica in capitale, sempreché la persona defunta non percepisse una rendita di vecchiaia.

Rendita per coniugi dopo il divorzio

Se la persona assicurata decede ad avvenuto divorzio, il diritto alla rendita per coniugi sussiste a determina-te condizioni. Tale rendita corrisponde al massimo all’importo della rendita per coniugi ai sensi della LPP (rendita minima). Rivolgetevi a PUBLICA per un complemento di informazioni.

Rendita per conviventi
 

Al decesso di una persona assicurata il convivente superstite ha diritto a una rendita per conviventi se è adempita una delle seguenti condizioni:

  • ha almeno 40 anni di età e ha ininterrottamente convissuto con il defunto almeno negli ultimi cinque anni prima del decesso; oppure
  • deve provvedere al mantenimento di uno o più figli comuni aventi diritto alla rendita per orfani.

Il diritto sussiste soltanto se la convivenza è stata comunicata per scritto a PUBLICA sotto forma di contratto di convivenza, quando la persona assicurata era ancora in vita (il contratto è disponibile sul sito www.publica.ch). La convivenza è possibile anche tra persone di medesimo sesso.

L’entità della rendita per conviventi è calcolata come quella della rendita per coniugi.

La rendita per conviventi può essere percepita interamente o parzialmente sotto forma di liquidazione unica in capitale, sempreché la persona defunta non percepisse una rendita di vecchiaia.

Rendita per orfani
 

I figli di una persona assicurata o beneficiaria di rendita defunta hanno diritto a una rendita per orfani. Gli orfani di padre e madre hanno diritto a una doppia rendita per orfani. Il diritto sussiste fino al compimento del 18º anno di età, ma sussiste fino al compimento del 25º anno di età se il figlio si trova ancora in formazione o se è invalido nella misura di almeno il 70% ai sensi della LAI.

La rendita per orfani ammonta:

  • al decesso di una persona assicurata che non ha ancora compiuto i 65 anni di età: a un sesto della rendita di invalidità assicurata;
  • al decesso della persona beneficiaria di una rendita di vecchiaia o di invalidità: a un sesto della rendita corrente;
  • al decesso di una persona assicurata che ha compiuto i 65 anni di età: a un sesto della rendita di vecchiaia acquisita al momento del decesso della persona assicurata.
Capitale garantito in caso di decesso
 

A determinate condizioni PUBLICA versa un capitale garantito in caso di decesso di una persona assicurata, che corrisponde alla metà dell’avere di vecchiaia al momento del decesso della persona assicurata. Il capitale garantito in caso di decesso è diminuito del valore in contanti di un’eventuale rendita per orfani.

Sono aventi diritto, nell’ordine seguente:

  • le persone fisiche che erano assistite in misura considerevole dalla persona assicurata deceduta;
  • la persona che ha ininterrottamente convissuto con la persona assicurata negli ultimi cinque anni prima del decesso o che deve provvedere al mantenimento di uno o più figli comuni, se la convivenza è stata comunicata per scritto a PUBLICA sotto forma di contratto di convivenza, quando la persona assicurata era ancora in vita;
  • i figli della persona deceduta;
  • i genitori della persona deceduta.

Un capitale garantito in caso di decesso è versato a condizioni restrittive anche a persone che in seguito al caso di decesso beneficiano di una rendita per coniugi o conviventi.

Il diritto a un capitale garantito in caso di decesso deve essere fatto valere entro il termine di un anno dal decesso della persona assicurata. Se il diritto non è stato fatto valere, il capitale è devoluto alla Cassa di previdenza.

Avviso importante!