Navigazione - PUBLICA

Navigazione vocale e la dimensione del carattere

Ricerca

Navigazione principale

Esercizio dei diritti di azionista

PUBLICA esercita attivamente la sua responsabilità quale proprietaria a due differenti livelli:

  • Esercizio dei diritti di voto: PUBLICA esercita attivamente i propri diritti di voto presso le imprese svizzere. Il comportamento di voto di PUBLICA è orientato agli interessi a lungo termine delle persone assicurate e beneficiarie di rendita. A tal proposito è importante che il valore aziendale della società in questione venga massimizzato sul lungo periodo. PUBLICA comunica apertamente il proprio comportamento di voto.
     
  • Impegno: il consulente in materia di diritto di voto di PUBLICA per le azioni svizzere è anche incaricato di condurre un dialogo con le principali imprese svizzere. Le tematiche ESG vengono sollevate nel dialogo con le società interessate dal consulente in materia di diritto di voto in caso di rilevanza economica e dopo avere consultato PUBLICA. In modo coordinato e a titolo integrativo PUBLICA mira al dialogo con le imprese in Svizzera e all’estero che nell’analisi sono state identificate come «investimenti problematici». A tale scopo a cadenza semestrale viene effettuato uno screening basato sul comportamento, in cui le azioni e le obbligazioni societarie detenute da PUBLICA vengono esaminate in termini di violazioni sistematiche e gravi della legislazione svizzera e delle convenzioni internazionali valide e ratificate dalla Svizzera (v. Base normativa). Con il dialogo si mira a cambiare il comportamento riconosciuto come critico delle imprese in questione. Il processo di dialogo ha luogo a porte chiuse sull’arco di un periodo che si estende da uno a tre anni. Una vendita dei singoli investimenti è presa in considerazione quale ultima opzione possibile, allorquando dopo ripetuti dialoghi non si prospetta alcun cambiamento in positivo del comportamento di un’azienda, o quando la società non è in grado di rinunciare alle attività controverse a causa della propria attività commerciale primaria.

Avviso importante!

Le simulazioni considerano i tassi di risparmio e di riscatto, nonché le aliquote di conversione vigenti dal 1° gennaio 2019. In linea generale, l’importo delle rendite è indicato a un livello troppo basso, poiché le eventuali misure individuali non sono considerate: garanzia nominale dei diritti acquisiti, rivalutazione della rendita a partire dai 60 anni, versamento nel capitale di previdenza, quota non acquisita in seguito alla restrizione di 1/36 al mese. Potete chiedere gli importi esatti alla vostra persona di contatto; i rispettivi dati di contatto sono indicati nel vostro certificato di previdenza.